BALOBESHAYI

African Women Voices

Sorridi, Sei a Matonge!

L’abbiamo trovato grazie alla musica. Delle sonorità soukous arrivavano dal lato sinistro della strada, da un locale dai muri arancioni e la scritta nera. Ci siamo. Siamo quasi arrivati a Matonge. 

Con nostra sorpresa il quartiere non è introdotto da nessun cartello, al punto che ci chiediamo: siamo nel posto giusto? Gente africana, c’è. Ristoranti africani ci sono. Manca solo quella vitalità che ricordo di aver trovato due anni fa, quando per la prima volta mi portarono a mangiare a Matonge, il quartiere Congolse di Bruxelles. 

Una città, tra parentesi, che sembra essere divisa per quartieri culturali: per arrivare a Matonge a piedi dalla Stazione Midi, bisogna passare per Rue De l’Angleterre, dove reganano Portoghesi e Spagnoli. Dopo un lungo tratto senza l’effervescenza delle (precoci) luci natalizie, si arriva a Louise, la fermata dello shopping su Boulevard du Midi. 

Dopo esser passati davanti a Giorgio Armani, Zara, Ferragano e quant’altri, finalmente la nostra fermata: Port Namur, ma di Matonge neanche l’ombra. 

Ci addentriamo nelle viuzze interne con i visi paralizzati dal freddo di inizio dicembre e scopriamo qui e lì pezzi di Matonge. Un negozio di frutta e verdura, un ristorante che si presta a centro culturale.. nel negozio chiediamo alle silenziose donne: “Ma dov’è Matonge.” La proprietaria inizia a rispondere ma la sua voce è sovrastata da quella di un signorotto con la barba incolta, il ventre tondo, che si aggira nel negozio da prima che arrivassimo. In un francese a denti serrati ci dice qualcosa come: “Matonge è di là, davanti la chiesa”

Su questo il signore aveva ragione, era davanti la chiesa. 

Se a tratti il posto ricorda una strada africana, dall’altra fa venir in mente la zona del Pigneto a Roma. Specialmente quando un gruppo di ragazzi grida “Bilaaa” e si dilegua. Segue dietro di loro un’auto della polizia. La poliziotta scende, si dirige verso un negozio con passo svelto e deciso. Ne esce con tre cartoni di pizza. Falso allarme. 

Chissà se Matonge by night è diversa dalla versione diurna? Noi l’abbiamo osservata solo per un’oretta quando tutti i negozi belgi erano già chiusi, ma sicuramente impareremo di più il prossimo anno, quando qui ci passeremo due mesi per (IN)VISIBLE CITIES

Join 1,539 other followers

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Join 1,539 other followers

Stats

  • 37,301 hits
%d bloggers like this: